Teresa Soria

Rose di Marìn
Vino Rosato

Rose di Marìn Vino rosato

Vitigno
Varietà autoctona aromatica a bacca rosa, a grappolo lungo.

Terreno
Marnoso e sabbioso.

Vinificazione
Altra varietà aromatica piemontese, meno conosciuta, ma non meno importante. Le uve sono raccolte leggermente surmature, a mano in cassette. Vengono pressate intere appena raccolte. Il mosto sgronda rosato dalla pressa e viene chiarificato. Fermenta per 20 giorni a basse temperature. Si travasa più volte per avere le fecce più nobili possibile. Per 4 mesi si pratica un intenso batonnage in acciaio per 3 volte a settimana. Ad inizio primavera si chiarifica e si imbottiglia.

Affinamento
4 mesi in vasche d'acciaio, almeno 6 mesi in bottiglia.

Degustazione
Il colore varia a seconda delle annate, solitamente un rosa cerasuolo delicato. Al naso mantiene una buona aromaticità con sentori di rosa selvatica, nome del fiore da cui prende il nome questo vino. In bocca risulta fresco, morbido grazie a qualche grammo di residuo zuccherino con una buona persistenza.

Abbinamenti
Da abbinare ad aperitivi, piatti di pesce o formaggi delicati. Ottimo con pizze elaborate.